Roma, il Papa paga l’affitto per un anno a spiaggia accessibile ai disabili. (Fonte: Il Messaggero – martedì 25 Aprile 2017 )

 

Il Papa ha donato un contributo per la «spiaggia speciale» di Focene, frazione di Fiumicino (Roma), lo stabilimento balneare «La Madonnina» davvero accessibile a tutti, anche ai disabili: le strutture e il personale, volontario, sono pensati per accogliere i disabili. Il dono del Papa – che coprirà le spese per l’affitto annuale della spiaggia – è stato accolto con «entusiasmo e stupore», dalla associazione Opera San Luigi Gonzaga «Opera d’Amore» che gestiste lo stabilimento. Lo riferisce un comunicato dell’elemosiniere pontificio, mons. Konrad Krajewski, che ha consegnato il dono del Papa alla «Madonnina». Lo stabilimento «La Madonnina» sorge a Focene, frazione di Fiumicino, a due passi da Roma, nella diocesi suburbicaria di Porto Santa Rufina. La colonia marina, gestita totalmente da volontari, garantisce anche un presidio medico e personale specializzato proveniente dalla Federazione Italiana Nuoto Paralimpico, che assicura il bagno assistito ai disabili.

Tutta la spiaggia è munita di passerelle che permettono di raggiungere autonomamente ognuno dei servizi in essa offerti (snack bar, spogliatoio, bagni, docce, zone d’ombra), fornita di pedane che consentono l’accesso autonomo agli ombrelloni e ai lettini (adeguatamente rialzati), con la possibilità di giungere fino al bagnasciuga e al mare. Lo stabilimento – che non ha scopi di lucro, perché tutti gli incassi sono reinvestiti nel progetto – è aperto durante tutta la stagione balneare dalle 9 alle 19, in qualsiasi giorno della settimana.

Alla base della colonia marina, spiegano gli organizzatori, c’è «l’idea di creare non uno stabilimento ‘ghettò, ma una spiaggia senza barriere sia architettoniche che mentali, dove tutti possano godere insieme del mare ed i suoi tantissimi benefici», e «si riscopre l’importanza della cura dell’altro, la riscoperta dell’unicità dell’essere umano a prescindere che sia disabile o normodotato. Si riscopre quanto ogni individuo è fonte di benessere per l’altro, se solo si pone in ascolto delle esigenze altrui». Il Papa ha inviato il denaro che coprirà le spese per l’affitto di un anno, accompagnato da un messaggio nel quale impartisce la benedizione ai volontari ed in speciale modo alle persone disabili e alle loro famiglie.

Infostrada e i fantomatici elenchi telefonici: occhio alla bolletta e alla serietà societaria!!

 

 

In questa nostra Italia capita d’osservare un po’ di anomalie che – a dire il vero, potrebbero sembrar vicende del tutto ordinarie! E’ il caso emblematico di Infostrada, nota azienda della telefonia residenziale.

Infatti, è stato rilevato che questi “signori” – oltre a continuare a prendere per i fondelli gli utenti con presunti sopralluoghi e slittamenti temporali nell’allaccio delle utenze domiciliari, senza autorizzazione e né fornitura alcuna, già provvedevano a caricare in fattura (bolletta) i costi relativi alla consegna degli ormai superati elenchi telefonici, posto che tale servizio non veniva mai effettuato, poiché mai richiesto, pur regolarmente e negli anni pagato.

Il fatto, emerso casualmente, è stato sottoposto nuovamente alle Autorità competenti – oltre che al Codacons e a Striscia la Notizia, anche al fine di monitorare lo stato delle cose e punire gli eventuali responsabili di siffatte aggravate e reiterate azioni.

Restiamo in attesa degli ulteriori sviluppi, nonché della decisione del G.I.P. del Tribunale di Roma, esortandoVi a prestare particolare attenzione ai fenomeni evidenziati, auspicando non si tratti di abitudini consolidate.

Il demonio in Vaticano. I Legionari di Cristo e il “Caso Maciel”.

 

 

 

Da don Giulio Maria Scozzaro riceviamo e pubblichiamo (26 luglio 2014 – alle 11:03 pm)

 

 

FRANCA GIANSOLDATI, Il demonio in Vaticano. I Legionari di Cristo e il caso Maciel, Piemme, Milano 2014, p. 222, € 15,50

 

 

Recensione di Gianandrea de Antonellis

È possibile fondare una fiorentissima Congregazione religiosa e rimanere nel più totale anonimato, tanto da poter condurre una doppia vita?

È possibile frequentare con assiduità le stanze vaticane, divenire intimo consigliere di un Papa e nel contempo mantenere e frequentare ben due “mogli” e rispettive famiglie?

È possibile essere stato sotto inchiesta per mezzo secolo riuscendo ad insabbiare ogni procedimento?

È possibile morire in fama di santità (presso i sacerdoti della sua congregazione) e nel contempo essere assistito sul letto di morte da una delle due mogli e da una figlia, con il consenso (ed il complice silenzio) dei collaboratori che lo assistevano?

Tutto questo, per contraddittorio che possa sembrare, è davvero accaduto, e alla stessa persona: il protagonista è Padre Marcial Maciel Degollado, carismatico fondatore della Legione di Cristo.

Pervertito e marcio fino al midollo, omosessuale e pedofilo, corruttore di professione e abilissimo simulatore, costui si è accreditato presso il Vaticano e i gruppi conservatori americani ed europei ponendosi come fiero oppositore della teologia della liberazione.

In tal modo, riuscendo a superare le accuse di omosessualità, libertinaggio e pedofilia che immediatamente lo colpirono (da giovane fu espulso da ben due seminari, uno messicano e l’altro statunitense, caso gravissimo), affermando che provenivano da calunnie dei suoi avversari gesuiti, fondò una propria Congregazione, di cui era padre-padrone assoluto come dei giovani seminaristi di cui abusava continuamente.

In pochi decenni, carpita la fiducia di Wojtyla, per il cui viaggio in Messico (1979) si prodigò, trasformandolo in un grandioso successo mediatico nonostante il boicottaggio del locale governo anticlericale, superò ogni avversità, creando un vero e proprio impero ed affermando la sua “Legione” come una nuova “Opus Dei”, dichiaratamente di Destra.

Con l’ascesa al trono pontificio di Benedetto XVI, se non la scomunica che meritava (che gli fu evitata per non danneggiare l’intera Legione), questo “prete”, che non fu mai visto celebrare Messa né indossare una tonaca, fu obbligato a ritirarsi in preghiera. Naturalmente, si guardò bene dal farlo, continuando a vivere come era vissuto, con le sue due famiglie (una in Messico ed una in Spagna); infine, sul letto di morte, senza dare mai alcun segno di pentimento, non chiese di confessarsi, ma -rimbecillimento senile? disprezzo totale dei sacramenti?- chiese solo di avere un gelato, peraltro provocandosi, più o meno consciamente, uno shock anafilattico che ne affrettò il decesso.

Poco male, ma rimane il fatto che i suoi stretti collaboratori erano perfettamente a conoscenza della sua doppia (o tripla) vita, probabilmente condividendone i vizi e sicuramente coprendosi reciprocamente tramite il segreto della Confessione (unico Sacramento, se non rispettato, continuamente utilizzato a fini personali).

Il saggio di Franca Giansoldati ripercorre le tappe della menzognera vita di Padre Marcial Maciel, corrotto fino all’eccesso eppure capace di sfuggire alla maglie della giustizia terrena, grazie ad una fitta rete di complicità, una costante simulazione ed una ipocrisia che ha del demoniaco.

Demoniaco sì, ma -riporta l’autrice- non direttamente preda del demonio, perché, secondo alcuni prelati, il demonio non si servirebbe degli uomini per compiere opere di bene, quali i numerosi Istituti di formazione che questa Congregazione ha fatto sorgere.

C’è da chiedersi, però, se il vergognoso discredito gettato sulla Chiesa, la totale squalificazione che, soprattutto in America Latina, ha coinvolto i cattolici che si oppongono alla teologia della liberazione, e infine la formazione di prelati (l’élite della Legione) abituati a mentire ed a corrompere, possa essere davvero considerato un “frutto buono da un albero cattivo” o, più oggettivamente, un “frutto velenoso da un albero marcio”.

Ora, morto il Fondatore, costretti i seguaci a rinunciare al suo culto, se esiste sicuramente una maggioranza di Legionari (soprattutto nei ranghi bassi) in buona fede, esiste altrettanto sicuramente una minoranza, assai potente e pericolosa, di ex collaboratori che -rimanendo o meno nella Legione- continuano il lavoro tanto bene imparato dal loro “padre” (così si faceva chiamare, imitando San Josemaría Escrivà de Balaguer), che non è quello di salvare le anime, bensì di approfittare della propria condizione sacerdotale per continuare i propri loschi traffici.

L’A.N.A.Di.M.I. torna ad Anversa (B): verso un nuovo stato giuridico

 

 

 

E’ ormai pronto il varo del nuovo programma attuativo, che vedrà l’A.N.A.Di.M.I. Onlus mutare il proprio stato giuridico mediante la fusione con una importante Fondazione di diritto Europeo, dando insieme seguito ai Progetti Sociali già da tempo elaborati in favore delle Categorie svantaggiate.

A breve gli ulteriori dettagli e la relativa convocazione del Comitato Esecutivo Nazionale.

EMK S.R.L. di Giovanni Condorelli – Conegliano (TV).

 

 

In questi momenti di grande crisi c’è ancora qualche Azienda che ha a Cuore il risparmio per gli Italiani! E’ la storia di un giovane e brillante Imprenditore siciliano, il Socio A.N.A.Di.M.I. Onlus Giovanni Condorelli – ormai da anni inserito nel sano contesto produttivo di Conegliano (TV), che con alcuni suoi partner – mediante il varo del progetto denominato “energy led box“, ha posto in campo delle innovative soluzioni a tecnologia avanzata, finalizzate alla sobrietà dell’impegno energetico nel settore dell’illuminazione privata e……perché no, anche pubblica.

Questa Struttura – in stretta condivisione con l’intelligente strategia commerciale della Elettromarket (viale XXIV maggio 57 – tel. 0438/22726), non è solita promuovere messaggi pubblicitari ma tale principio divulgativo – nel superiore interesse della collettività, è sembrato un vero e proprio atto dovuto, non fosse altro a voler evidenziare quanto alcuni tentino di fare anche per il Prossimo.

A breve gli ulteriori sviluppi.

 

L’A.N.A.Di.M.I. Onlus a Napoli – giovedì 02 gennaio 2014

 

 

Come preannunciato, reiterando gli auguri di un buon anno a tutti, si è tenuta ieri in Napoli una importante riunione, onde procedere alla riorganizzazione di alcune fasi territoriali, passando – quindi, anche per le Aziende di spicco della realtà Partenopea, quali quelle nella zona del Centro Industriale di Nola.

Nel caso di specie, un nostro Associato, il Cav. Salvatore Di Mauro, intelligente e sensibile imprenditore, ha posto in evidenza alcuni piani di sviluppo che – se ben armonizzati con la normativa della Formazione professionale e del recupero sociale delle figure svantaggiate, potrebbero dar luogo ad un interessante e innovativo percorso, nonostante l’asfissiante e dannosa burocrazia che ancora impera.

Certo, l’attuale situazione italiana non è affatto facile, con tutto quel che purtroppo sentiamo e leggiamo ovunque, ma la sfida è aperta, mentre noi – ben scevri dal voler semplicemente pubblicizzare un marchio, confidiamo in Dio e negli uomini di Buona Volontà, affinché si possa raggiungere l’auspicato obiettivo.

A breve gli ulteriori sviluppi.

Papa: concludiamo il 2013 Ringraziando e Chiedendo Perdono.

 

 

(ASCA) – Città del Vaticano, 31 dicembre – ”Questa sera concludiamo l’Anno del Signore 2013 Ringraziando e chiedendo Perdono, due cose insieme”.

Lo ha detto Papa Francesco presiedendo, nella Basilica Vaticana, i primi Vespri della Solennità di Maria Santissima Madre di Dio, seguiti dall’Esposizione del Santissimo Sacramento, il Canto del tradizionale Inno ‘Te Deum’ di Ringraziamento a conclusione dell’anno civile, e la Benedizione Eucaristica.

”Ringraziamo per tutti i Benefici Che Dio ci Ha Elargito, – ha aggiunto il Papa – e soprattutto per la Sua Pazienza e la Sua Fedeltà, Che si Manifestano nel succedersi dei tempi, ma in modo singolare nella pienezza del tempo, quando ‘Dio Mandò il Suo Figlio, Nato da Donna’.

La Madre di Dio, nel Cui Nome domani inizieremo un nuovo tratto del nostro Pellegrinaggio terreno, ci Insegni ad Accogliere il Dio Fatto Uomo, perché ogni anno, ogni mese, ogni giorno, sia colmo del Suo Eterno Amore”.

Buon anno a tutti, nella Grazia del Signore

 

 

 

 Buon Anno a tutti, nella Grazia del Signore!

 

 

Concorso Internazionale Antonio De Curtis: premio all’A.N.A.Di.M.I. Onlus

 

 

Nella Sala delle Cerimonie Ufficiali della Camera dei Deputati, il Presidente nazionale dell’A.N.A.Di.M.I. Onlus – chiamato ad un intervento illustrativo sui progetti sociali elaborati per gli Appartenenti alle Categorie svantaggiate, ritira il Premio dal Comitato d’Onore dell’Associazione Amici di Totò – “A Prescindere”, per “La brillante Opera svolta in Favore delle fasce deboli”.

 

L’A.N.A.Di.M.I. Onlus a Roma – Dr. Daniele Murgiano

Nella fase di riorganizzazione delle Rappresentanze territoriali A.N.A.Di.M.I. Onlus pro handicap e terza età, il Socio Volontario Murgiano dr. Daniele – Ricercatore Universitario, assume la direzione della Segreteria Provinciale di Roma. Al neo Segretario e a tutto lo staff i migliori auguri di buon lavoro.

L’A.N.A.Di.M.I. Onlus in provincia di Treviso – Avvocato Benedetta Collerone Russo

 

Nella fase di riorganizzazione delle Rappresentanze territoriali A.N.A.Di.M.I. Onlus pro handicap e terza età, il Socio Volontario Benedetta Collerone Russo – Avvocato, assume la direzione della Segreteria Provinciale di Treviso, con sede in Conegliano Veneto.

Al neo Segretario e a tutto lo staff i migliori auguri di buon lavoro.