La mostruosità dei social (Riceviamo e pubblichiamo).

 

Con l’apparente progredire della tecnologia, molti aspetti della contemporanea Vita han subito delle brusche mutazioni, tanto da presentare sulla scena soggetti repressi che mai avrebbero sperato di poter scrivere (o dire) qualcosa di sensato! Infatti, Posto Che la Verità non E’ di questo mondo e Che la Semplicità Reale E’ Gradita al Figlio dell’Uomo, veri e propri “soggetti problematici” della pur recente epoca si cimentano – oggi, nelle attività più disparate, che vanno dal giudizio all’operato altrui all’analisi concettuale, a volte passando persino per la satira e la critica, senza – però, comprenderne i risvolti.   Come porre rimedio a siffatto scempio? Forse, tornando coi piedi in Terra, Pregando col Cuore Contrito e Chiedendo Umilmente Perdono Prima al Signore – per la sviscerata atavica superbia, poi scusandosi col Prossimo, mai dimenticando Che il Cielo Fa Quel Che Vuole, senza Tener conto delle personali convinzioni.