Poesia (riceviamo e pubblichiamo).

 

Il Mio papà è un cattivo soggetto,

poiché spesso mi prende di petto.

Lui non sa che, invece di fare il baccalà,

ci Sei Tu ad Attenderlo al Cospetto.

Non ci vuole un gran lavorone,

per essere Graditi al Signore,

ma solo un Sano Timore,

Tu Che Sei il mio Padrone.

Tu Invisibile Custode,

Accogli Sempre la mia Lode.

Gloria e Onore a Te, mio Salvatore,

Unica e Vera Voce nel mio Cuore.

Mantieni Sempre la Tua Offerta,

Che non E’ Quella di Rendermi perfetta,

ma di Vegliarmi nelle ore buie,

quando sono troppo dure.

Lode e Onore a Te, Inviolata Creatura,

Perfezione della Natura.

Nelle cadute ho temuto la Tua Assenza,

mentre Scopro il Motivo della Tua Essenza.

Quante tempeste Abbiamo Attraversato,

ma la Tua Mano mi Hai Sempre Donato.

Lode e Onore a Te, Spirito d’Amore,

l’Universo S’Inchina al Tuo Bagliore.

Sole, Luna, Pioggia, Vento,

Obbediscono senza ripensamento.

Signore Gesù, che possa vedere il Tuo Sorriso,

presto, presto in Paradiso!