Direct Line lascia a piedi l’handicap!

 

E’ sconcertante prendere atto della pochezza di alcune realtà societarie operanti in Questa nostra povera Italia.

Nel caso di specie, la compagnia di assicurazioni Direct Line, infatti, interloquita per il rilascio del certificato di copertura assicurativa di una vettura, ha stranamente tentennato nell’operare in tal senso – nonostante la copiosa quantità cartacea richiesta ed inviatale, accampando giustificazioni a dir poco inconcepibili e privando un’associazione pro handicap e terza età dei normali strumenti logistici, limitandone persino le ordinarie attività previste dallo Statuto e impedendo – quindi, l’utilizzo del veicolo adibito a supporto delle attività sociali.

Demandando la relative considerazioni alle Autorità preposte, affinché valutino gli eventuali abusi commessi da “lor signori”, converrà diffidare da tale compagine e rivolgersi ad altre compagnie del settore – magari meno problematiche e più serie della predetta, intrisa di non poca insensibilità e scarsamente attenta alle esigenze dell’ormai vessato terzo settore.