Monthly Archives: Luglio 2019

Mario Cerciello Rega: R.i.P..

 

 

… a nessuno venga in mente di stupirsi, poiché il mondo ha perso il Cuore e la Vita di un Carabiniere – Come Quella di tutti gli altri addetti alla Sicurezza, è purtroppo in grave pericolo, ogni giorno.
Questa Creatura, dal volto buono e dal riferito Animo Nobile, non E’ Davvero Morta, ma Vive Ora una Dimensione Diversa dalla nostra, Trovandosi al Cospetto della Divina Misericordia del Cristo di Dio, Che Ne Consolerà l’Anima, Provvedendo – altresì, ai Congiunti ancora in Terra.
Con i Defunti d’Ogni Tempo, Riposi in Pace.

Vite Inventate! (Riceviamo e pubblichiamo).

 

 

…. Vi racconterò un fatto assai grave, in linea con lo sconquasso generale del momento.
 
Un gruppo di internauti, di quelli che vivono in funzione della rete, va alla ricerca disperata di Amicizie – anche virtuali, dell’Arca perduta e di chissà cosa altro, Pregando il Cielo a modo proprio.
 
Questi Figli – sedicenti innamorati di Gesù e di Maria, trascorrono la Concessa Esistenza terrena tra ospedali e studi medici, con ansie e preoccupazioni per la salute – anche dei familiari, dimenticando di Confidare – invece Genuinamente, nell’Aiuto Celeste.
 
La perseveranza di tali Creature è talmente radicata nel Povero Animo da far Credere di trovarsi in una condizione di normalità, quasi che l’essere umano potesse modificar qualcosa di Quanto attorno.
 
Nel porre in risalto questi “passaggi”, si diventa però impopolari, giacché le genti – così come alcuni Sacerdoti, non Amano scoprir le cose scomode della Fede, preferendo rivolgersi a Gesù come ad un bancomat, da utilizzare a seconda delle necessità e delle circostanze.
 
Ora, anche qui, vi sono delle menti deboli che – pur Pregando, non sanno a chi siano Veramente Indirizzate le loro Orazioni, prese come sono dalle fragilità di quaggiù.
 
Ad alcune “donnette”, inoltre, è finanche venuto di “pensare” che altri Figli potessero parimenti (s)ragionare, perché rimasti infastiditi – sembra, dalla non partecipazione agli articoli postati anche giornalmente in questo social.
 
Ad onor del Vero e per la Serenità dell’Animo, ogni forma di comunicazione “dev’essere Necessariamente indirizzata alla Evoluzione delle Anime riceventi” e non già alla pseudo-gloria di chi scrive, magari Cosciente dei limiti personali e di quelli altrui.
 
Appare chiaro – infine, che il mondo non avrebbe mai potuto sperare di Progredir da solo, senza l’Intervento Salvifico del Cristo di Dio, considerato l’evidente spessore delle modeste menti anzidette, mai dimenticando che una mezza idea non poteva che Nascere da un cervello pregno di Sentimenti contrastanti, specialmente se inquinato dall’abile e silenziosa azione del maligno.
 
Ad maiora.

La mostruosità dei social (Riceviamo e pubblichiamo).

 

Con l’apparente progredire della tecnologia, molti aspetti della contemporanea Vita han subito delle brusche mutazioni, tanto da presentare sulla scena soggetti repressi che mai avrebbero sperato di poter scrivere (o dire) qualcosa di sensato! Infatti, Posto Che la Verità non E’ di questo mondo e Che la Semplicità Reale E’ Gradita al Figlio dell’Uomo, veri e propri “soggetti problematici” della pur recente epoca si cimentano – oggi, nelle attività più disparate, che vanno dal giudizio all’operato altrui all’analisi concettuale, a volte passando persino per la satira e la critica, senza – però, comprenderne i risvolti.   Come porre rimedio a siffatto scempio? Forse, tornando coi piedi in Terra, Pregando col Cuore Contrito e Chiedendo Umilmente Perdono Prima al Signore – per la sviscerata atavica superbia, poi scusandosi col Prossimo, mai dimenticando Che il Cielo Fa Quel Che Vuole, senza Tener conto delle personali convinzioni.

Testimonianza (Riceviamo e pubblichiamo).

 

 

 

 

America, America, hai spavaldamente sfidato il Cielo, ignorando Che il Signore t’Avrebbe – però, Umiliato proprio innanzi al mondo: preparati a Subire in Ginocchio lo Stravolgimento degli Elementi, con le Catastrofi Incombenti!