Monthly Archives: Luglio 2015

Carlo Umberto Casciani è il nuovo Presidente Onorario!

 

Il Professor Dottor Carlo Umberto Casciani, componente dell’equipe medica che – 50 anni fa, realizzò il primo trapianto renale in Italia, membro di svariate e prestigiose Istituzioni del mondo, Rettore Onorario dell’Accademia Internazionale Costantiniana delle Scienze Mediche, Giuridiche e Sociali, cofondatore della II Università degli Studi di Roma Tor Vergata e Professore Ordinario di Chirurgia presso il medesimo Ateneo, più volte Presidente e Commissario Straordinario dell’Agenzia per i Trapianti e le Patologie Connesse, Promotore del Coordinamento Nazionale per la Tecnica e la Gestione dei Trapianti, Consulente Scientifico della Congregazione per le Cause dei Santi, oltre ad altro, è stato nominato – oggi e all’unanimità, Presidente Onorario dell’Associazione Nazionale Assistenza Disabili (e Familiari) Ministero Interno – Organizzazione non lucrativa d’utilità sociale pro handicap e terza età.

Al Fraterno e Prezioso Amico, uomo di non comune spessore Spirituale, umano e professionale, cui va il nostro più sincero ringraziamento per l’eccellente opera svolta in favore delle fasce deboli, un caloroso abbraccio di benvenuto.

Padre Elia, Esorcista: “Dietro ai gay c’è satana!”

 

 

 

Finalmente, qualcuno parla chiaro!

 

 

 

Dietro il matrimonio tra persone dello stesso sesso vi è niente meno che satana.

A sostenerlo è padre Giacobbe Elia, Esorcista della Diocesi romana, che, in un’intervista a Rado Campus, ha risposto chiaramente alla domanda se dietro i matrimoni gay si nasconda il diavolo: “Penso proprio di sì. L’omosessualità non fa parte della Visione di Dio, Che E’ Aperta alla Vita“.

L’uomo e la donna non sono altro che Suoi Rappresentanti nella Propagazione della Vita“, ha proseguito. “Maschio e Femmina li Ha Creati e non è un caso. Non dobbiamo confondere dei disordini con la realtà e un Bambino deve avere una vita Serena con un papà e una mamma, cioè con la Famiglia“.

Non soltanto: secondo Padre Elia,  satana è dietro anche a chi vuole legalizzare l’uso della cannabis e regolamentare la prostituzione.

E, con queste persone, è inutile parlare, perché “per ora il dialogo ha dato, storicamente, dei risultati disastrosi“.

(Fonte: Redazione Articolo Tre – Quotidiano On Line Indipendente e d’Inchiesta)

 

L’A.N.A.Di.M.I. Onlus e l’Università!

 

 

 

L’Associazione Nazionale Assistenza Disabili (e Familiari) Ministero Interno – Organizzazione non lucrativa d’utilità sociale, iscritta all’Anagrafe Nazionale della Ricerca Scientifica presso il M.I.U.R., in armoniosa collaborazione con alcune Istituzioni italiane – pubbliche e private, è pronta al varo di un nuovo Soggetto giuridico, che consentirà agli appartenenti alle Categorie svantaggiate – mediante un’apposita piattaforma e-learning, di poter finalmente superare tanti ostacoli e barriere, ivi compresi quelli che si frappongono alla formazione e alla cultura.

A breve gli ulteriori sviluppi.

Vita da… lupo!!!

 

 

Quando un “uomo” non porta rispetto al Prossimo suo, quando si traveste da Agnello – ma dentro è soltanto un povero lupo solitario, che fa agli altri ciò che non vorrebbe fosse fatto a lui, allora vuol dire che è davvero delirante, lontano dal Creatore e dal Dettato Cristico, poiché parla sì in un certo bel modo, mentre coi banali ed equivoci comportamenti vanifica tutto quel che riteneva voler fare d’apparentemente giusto, tradendo finanche la Fiducia concessagli dai Fratelli in Umiltà.

E’ questo il classico esempio di chi – pervaso intimamente dalle devastanti ed invisibili opere del maligno, conduce un’Esistenza mediocre, disordinata e fuori dalla Grazia Celeste, benché poi alcuni si ostinino persino a Citare del Signore o a portare in spalla la Santa Croce, pur sapendo che – perseverando nel peccato, i vizi di Natura li porterà via la Sepoltura.

Ma i Figli del Popolo di Dio devono avere il coraggio di recidere i rami secchi, quelli senza Frutto e privi – quindi, di Edificante Nutrimento per lo Spirito, poiché il Padre nostro Onnipotente Saprà Ricompensar coloro che solo nel Cielo avranno davvero Confidato.

Pace e Bene a tutte le Creature di Buona Volontà.

 

Lettera ad un Figlio (Tratta da Frate Indovino).

“Caro Figlio,

se un giorno mi vedrai vecchio, se mi vedrai sporco quando mangio e non riesco a vestirmi… abbi Pazienza, ricorda il tempo che ho trascorso io a insegnartelo.

Se quando parlo con te ripeto sempre le stesse cose, non mi interrompere… ascoltami.

Quando eri piccolo dovevo raccontarti, ogni sera, la stessa storia, finché non ti addormentavi. Quando non voglio lavarmi non biasimarmi e non farmi vergognare… ricordati quando dovevo correrti dietro, inventando delle scuse, perché non volevi fare il bagno.

Quando vedi la mia ignoranza per le nuove tecnologie, dammi il tempo necessario e non guardarmi con quel sorrisetto ironico. Ho avuto tanta pazienza ad insegnarti l’abc.

Quando, a un certo punto, non riesco a ricordare o perdo il filo del discorso… dammi il tempo necessario per ricordare. E se non ci riesco, non ti innervosire: la cosa più importante non è quello che dico, ma il mio bisogno di essere con te e averti lì che mi ascolti.

Quando le mie gambe stanche non mi consentono di tenere il tuo passo, non trattarmi come se fossi un peso, vieni verso di me con le tue mani forti, nello stesso modo con cui io l’ho fatto con te, quando muovevi i tuoi primi passi.

Quando dico che vorrei essere morto… non arrabbiarti, un giorno comprenderai che cosa mi spinge a dirlo.

Cerca di capire che alla mia età a volte non si vive, si sopravvive soltanto. Un giorno scoprirai che, nonostante i miei errori, ho sempre voluto il meglio per te, che ho tentato di spianarti la strada. Dammi un po’ del tuo tempo, dammi un po’ della tua Pazienza, dammi una spalla su cui poggiare la testa allo stesso modo in cui io l’ho fatto per te.

Aiutami a camminare, aiutami a finire i miei giorni con Amore e Pazienza. In cambio io ti darò un Sorriso e l’Immenso Amore che ho sempre avuto per te.

Ti Amo, Figlio mio”.

Il tuo papà

Servizio Sanitario Nazionale della Guardia di Finanza e Croce Rossa Italiana: siglato l’accordo per la raccolta Sangue!

 

 

 

Presso il Comando Regionale Abruzzo della Guardia di Finanza è stato siglato, dal Comandante Regionale, Generale di Brigata Francesco Attardi e dal Commissario Regionale della Croce Rossa Italiana Professoressa Maria Teresa Letta, un protocollo d’intesa volto a promuovere, facilitare e a valorizzare la preziosissima attività di donazione e raccolta del Sangue a favore della Croce Rossa Italiana, che svolge la propria meritoria Opera attraverso le articolazioni dislocate in tutta la Regione.

La brillante iniziativa, che si è svolta alla presenza del Generale di Brigata Professor Angelo Giustini – Direttore della Direzione di Sanità del Comando Generale del Corpo – e del Tenente Colonnello Giuseppe Rinaldi – Dirigente il Servizio Sanitario del Comando Regionale Abruzzo della Guardia  di Finanza, permetterà sempre maggiori sinergie ed una proficua collaborazione tra i due Enti firmatari.

Al riguardo, oltre alla raccolta del Sangue e delle sue componenti, verrà organizzata una serie di attività collaterali, finalizzata, tra l’altro, alla realizzazione di ulteriori campagne promozionali e di sensibilizzazione per incrementare le donazioni, per la formazione del personale in merito agli aspetti sanitari e sociali legati alla raccolta, alla ricerca ed allo studio di percorsi che favoriscano la tutela della salute del donatore.

La Guardia di Finanza, da sempre sensibile al tema della solidarietà umana e già impegnata su più fronti per il bene della comunità, annovera tra le proprie fila, ad oggi, numerosi donatori nell’intera Regione; il loro numero, infatti, grazie alla sottoscrizione dell’intesa, sarà sicuramente destinato a crescere nell’immediato futuro.

L’Avvocato Felice Forgione è il nuovo Vice Presidente Nazionale.

 

 

 

A seguito della scomparsa del compianto Paoluzzi Duilio, il Comitato Esecutivo – con provvedimento in corso di perfezionamento, ha nominato Vice Presidente Nazionale dell’A.N.A.Di.M.I. Onlus pro handicap e terza età l’Avvocato Felice Forgione – del Foro di Avellino, per i suoi comprovati ed indiscussi Valori morali, che contribuiranno ad incrementare la qualità dell’Opera Sociale sin qui svolta.

Al neo Dirigente, i migliori auguri di buon lavoro.

“I nuovi furbi d’oggi”!!!

 

 

Accade di tutto in questa nostra Terra, persino che un pensionato pubblico del Nord Est Italia, sedicente ufficiale in congedo, paventando guadagni stratosferici e subite truffe – con crisi momentanee, si appropri di somme destinate a sostenere i più bisognosi, non restituendole.

A breve gli ulteriori sviluppi.