Category Archives: A.N.A.Di.M.I. Onlus pro handicap e terza età

Testimonianza (Riceviamo e pubblichiamo).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una sera dei primi Anni ‘90, uscendo dal cinema Metropolitan di Roma in ora tarda, con la mia compagna del Tempo, notammo un ragazzo di circa 20/25 anni, proprio innanzi al marciapiede di via del Corso; era riverso a Terra, piegato su sé stesso, mentre piangeva dicendo: “mi hanno dimesso stamani dallo Spallanzani e poco fa dall’ospedale San Giacomo; non possono far nulla per me, perché ho l’A.I.D.S., sto male, aiutatemi!”.

Limitandomi a richiedere l’intervento sul posto di un’ambulanza, sentii nel Cuore un’indicibile Tenerezza, ma uno stolto timore ebbe il sopravvento, impedendomi – così, di avvicinarmi a quella Creatura e di prestare il Dovuto Conforto.

Con tutti i presenti, lasciai vilmente quel luogo, abbandonando quel Fratello alla solitudine della Notte.

Non so quale sia stato il suo Percorso, ma non l’ho mai dimenticato, Pregando ancora oggi per quel giovane rimasto senza nome, augurandomi che abbia Perdonato noi poveri e disumani Figli, per la Grande Opportunità d’Amore Concessaci anche allora dalla Divina Misericordia del Signore Gesù.

In Cuor mio, sono certo che lo abbraccerò finalmente un Giorno, tra Canti e Lacrime di Gioia.

 

Raffaele Farigu!

 

 

 

 

In Ricordo di un Caro e Fraterno Amico, Raffaele Farigu, Cofondatore dell’A.N.A.Di.M.I. Onlus pro handicap e terza età, Tornato alla Casa del Padre! Riposi in Pace.

Barriere architettoniche: elenco Università OnLine riconosciute dal M.I.U.R.!

 

 

Da un po’ di anni a questa parte, sono tante le persone che seguono corsi di laurea online, una modalità molto comoda per chi ha problemi a spostarsi in un’altra città, a recarsi in sede o – purtroppo, di barriere architettoniche, potendo così partecipare le lezioni dal proprio pc anche stando a casa.

Come scegliere l’università online? Importante è sapere che ci sono università telematiche riconosciute dal Miur: si tratta di università che attivano ogni anno corsi di laurea con modalità a distanza, al cui termine l’università può rilasciare titoli accademici. Per quanto riguarda l’Italia, le università telematiche riconosciute al momento sono 11.Vuoi scoprire quali sono? Vediamolo insieme!

universit? telematica

 

 

Come abbiamo visto, le Università Telematiche riconosciute dal Miur sono 11: ecco i nomi delle Università online che possono fare al caso tuo!

 

  • Pegaso Università Telematica

    Si possono seguire online i corsi di laurea di 6 facoltà: Economia, Giurisprudenza, Ingegneria, Scienze Motorie, Scienze Turistiche e Scienze Umanistiche, oltre ai Master di II livello, corsi di alta formazione e di perfezionamento. Gli esami però vanno dati di persona, in una delle sedi dell’Università Pegaso. La sede principale è a Napoli.

  • Università San Raffaele

    Si possono seguire online i corsi di laurea di 4 facoltà: Agraria, Architettura e Design Industriale, Giurisprudenza e Scienze Motorie, oltre ai Master di I e II livello. Le lezioni online sono integrate da seminari e ore di laboratorio, mentre gli esami sono da sostenersi in modalità frontale scritta o orale. La sede principale è a Roma.

  • Università Mecatorum

    Si possono seguire online i corsi di laurea di 2 facoltà: Economia e Scienze Umanistiche, oltre ai Master di II livello. Le lezioni online sono integrate con ore di attività con docenti, gruppi classe e tutor, mentre gli esami sono da sostenersi in modalità frontale scritta o orale. La sede principale è a Roma.

  • Università Telematica Internazionale Uninettuno

    Si possono seguire online i corsi di laurea di 6 facoltà: Economia, Giurisprudenza, Ingegneria, Lettere-Filosofia, Psicologia e Scienze della comunicazione, oltre a corsi di specializzazione. Il voto finale si baserà sia sulla valutazione qualitativa e quantitativa della partecipazione dello studente al percorso formativo sia sui risultati della prova finale in presenza. La sede principale è a Roma.

  • Università degli Studi eCampus

    Si possono seguire online i corsi di laurea di 5 facoltà: Economia, Giurisprudenza, Ingegneria, Lettere-Filosofia e Psicologia, oltre a Master di I e II livello, corsi di specializzazione e di perfezionamento. Gli esami però vanno dati di persona, in una delle sedi dell’Università telematica e-Campus. La sede principale è a Novedrate (Como).

  • Università degli Studi Giustino Fortunato

    Si possono seguire online i corsi di laurea di 3 facoltà: Economia, Giurisprudenza, Scienze e tecnologie della navigazione, oltre a Master di I livello e corsi di perfezionamento. Gli esami però vanno dati di persona, in modalità scritta o orale. La sede principale è a Benevento.

  • Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza

    Si possono seguire online i corsi di laurea di 2 facoltà: Economia e Giurisprudenza, oltre a Master di I e II livello, corsi di perfezionamento e di alta formazione. Gli esami possono essere dati in modalità scritta o orale. La sede principale è a Roma.

  • Università degli Studi Guglielmo Marconi

    Si possono seguire online i corsi di laurea di 7 facoltà: Economia, Giurisprudenza, Ingegneria, Lettere-Filosofia, Psicologia, Scienze Politiche e Scienze Umanistiche, oltre a Master di I e II livello. La didattica è strutturata secondo tre modalità, tradizionale (dispensi e test, cd), online e mista. Gli esami però vanno dati di persona. La sede principale è a Roma.

  • Italian University Line

    Si può seguire online il corso di laurea di Scienze Umanistiche, oltre a un Master di I livello e a un corso di perfezionamento. Gli esami però vanno dati di persona presso una delle sedi dell’Ateneo. La sede principale è a Firenze.

  • Università degli Studi Niccolò Cusano – Telematica Roma

    Si possono seguire online i corsi di laurea di 6 facoltà: Economia, Giurisprudenza, Ingegneria, Psicologia, Scienze Politiche e Scienze Umanistiche, oltre a Master di I e II livello e corsi di specializzazione. Le prove d’esame si possono svolgere in forma scritta e/o orale. La sede principale è a Roma.

  • Università Leonardo Da Vinci

    Si possono seguire online i corsi di laurea di 4 facoltà: Economia, Giurisprudenza, Psicologia e Scienze Umanistiche, oltre a Master di I. Le prove d’esame si possono svolgere in forma scritta e/o orale presso la sede principale di Chieti.

Università Telematiche: guide e info

 

Scopri tutte le informazioni utili per scegliere come proseguire al meglio la tua formazione Universitaria e per selezionare la migliore Università Telematica in Italia:

 

Preghiere per i Defunti e per Tutte le Sante Anime Abbandonate in Purgatorio – (02 novembre 2017/2024 – A.D.).

 

 

 

 

 

 

 

La Novena per i Defunti

 

 

 

La Divozione Verso le Anime del Purgatorio col RaccomandarLe a Dio, acciocché Le Sollevi nelle Grandi Pene Che Patiscono – e Presto Le Chiami alla Sua Gloria, E’ Molto Cara al Signore, ed Insieme E’ molto Giovevole a noi, poiché Quelle Sono Sue Eterne Spose, ed all’Incontro Sono Gratissime Verso chi Ottiene Loro la Liberazione da Quel Carcere, o almeno Qualche Sollievo nei Tormenti; onde, Giunte Che Saranno in Cielo, non Si Scorderanno certamente di chi ha Pregato per Esse.

E Piamente si Crede Che Dio Palesi Loro le nostre Orazioni, affinché Preghino per noi.    E’ Vero Che Quelle  non Sono in Istato di Pregare per Sé, poiché Stanno Ivi Come Ree Soddisfacendo le Loro Colpe; nondimeno, perché Sono Molto Care a Dio, Ben Possono Pregare per noi ed Ottenerci le Grazie.

Santa Caterina di Bologna Quando Voleva Qualche Grazia Ricorreva alle Anime del Purgatorio e Tosto Si Vedeva Esaudita; ed Attestava Che Più Grazie, non Ottenute Ricorrendo ai Santi, Le Aveva Conseguite Ricorrendo alle Anime del Purgatorio.

Del resto Sono Innumerevoli le Grazie Che Narrano i Devoti Aver Ricevute per Mezzo di Queste Sante Anime.

Ma se noi Vogliamo il Soccorso delle Loro Orazioni E’ Giusto, anzi E’ Dovere, Che  Le Soccorriamo colle nostre.

Ho detto: anzi E’ Dovere perché la Carità Cristiana Richiede Che noi Sovveniamo i Prossimi Che Stanno in Necessità del nostro Aiuto.

Ma quali Prossimi Sono più Bisognosi del nostro Aiuto se non le Anime del Purgatorio – Che, Prive della Vista di Dio, Soffrono una Pena maggiore di qualunque Altra? E pensiamo Che Ivi Facilmente Penano Anche le Anime dei nostri Genitori, Fratelli, o di altri Parenti e Amici, ed Aspettano il nostro Soccorso.

Pensiamo inoltre Che Quelle Sante Regine non Possono Aiutarsi da Sé, mentre Sono in Istato di Debitrici delle Loro Mancanze; Questo Pensiero Deve Maggiormente Infiammarci a SollevarLe Quanto Più Possiamo.

Ed in Ciò non solo daremo Gran Gusto a Dio ma ci Acquisteremo Grandi Meriti, e Quelle non Lasceranno di Ottenerci Molte Grazie da Dio, e Specialmente la Salute Eterna.

Io giudico per Certo Che un’Anima, Finalmente Liberata dal Purgatorio per i Suffragi di qualche Divoto, Giunta Che E’ in Paradiso non Lascerà di Dire a Dio: “Signore, non Permettete Che si perda quegli Che Mi Ha Fatto Venire più Presto a GoderVi”.

 

 

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

 

 

 

 

 

 

 

Atto di Dolore

 

 

 

O Gesù, mi Pento e mi Dolgo con Tutto il Cuore dei miei peccati, perché peccando Ho Meritato i Tuoi Castighi, e molto più perché ho Offeso Te – Infinitamente Buono e Degno d’Essere Amato sopra ogni cosa.    Propongo – col Tuo Santo Aiuto, di non OffenderTi mai più e di Fuggire le Occasioni Prossime di peccato.    Signore, Misericordia, Perdonami.    Amen.

 

 

 

Considerazione e Preghiere per la Novena

 

 

Raccomandiamo a Gesù Cristo ed alla Sua Santa Madre Tutte le Anime del Purgatorio, e specialmente Quelle dei nostri parenti, benefattori, Amici e Nemici, e Più Particolarmente l’Anima di Coloro per Cui siamo Obbligati di Pregare.    Ed Offriamo a Dio in Loro Suffragio le Seguenti Orazioni, Considerando le Grandi Pene Che Patiscono Quelle Sante Spose di Gesù Cristo.

I. Molte Sono le Pene Che Quelle Anime Patiscono; ma la Maggiore E’ il pensiero Che Esse – coi Loro peccati commessi in Vita, Sono State la Causa dei dolori Che Soffrono.   O Gesù Salvatore, io tante volte Ho Meritato l’inferno; che Grande Pena Sarebbe la mia se io fossi già dannato, in pensare di avermi io stesso Causata la mia dannazione? Vi Ringrazio della Pazienza Che Avete Avuto con me.    Mio Dio, perché Voi Siete Bontà Infinita, io Vi Amo Sopra Ogni Cosa e mi Pento con Tutto il Cuore di averVi Offeso.    Vi Prometto di prima Morire Che mai più OffenderVi; Datemi Voi la Santa Perseveranza, Abbiate Pietà di me, ed Abbiate Pietà Ancora di Quelle Sante Anime Che Ardono in Quel Fuoco.

O Madre di Dio, Maria, SoccorreteLe Voi colle Vostre Potenti Preghiere.

Pater, Ave.

Quelle Figlie e Quelle Spose, Che Son Tanto Tormentate, O Gesù, Ché Voi L’Amate, Consolate per Pietà.

II. L’altra Pena, Che Molto Affligge Quelle Tenere Creature, E’ il Tempo perduto in Questa Vita, in Cui Potevano Acquistare più Meriti pel Paradiso; e Che a Questa Perdita non Vi Possono più Rimediare, poiché Finito il Tempo della Vita E’ Finito Ancora il Tempo di Meritare! Ah! Povero me, Signore, che da tanti Anni Vivo su Questa Terra, e non ho acquistato altro che Meriti per l’inferno; Vi Ringrazio Che mi Date Ancora Tempo di Rimediare al mal fatto.   Mi Pento, Mio Dio Così Buono, di averVi dato Disgusto; Datemi il Vostro Aiuto, acciocché la Vita Che mi Resta la Spenda solo a ServirVi ed AmarVi.    Abbiate Pietà di me, ed Abbiate Ancor Pietà di Quelle Anime Sante Che Ardono nel Fuoco.

O Madre di Dio, Maria, SoccorreteLe Voi colle Vostre Potenti Preghiere.

Pater, Ave.

Quelle Figlie e Quelle Spose, Che Son Tanto Tormentate, o Gesù, ché Voi L’Amate, Consolate per Pietà.

III. Un’Altra Gran Pena Tormenta Quelle Dolci Anime, ed E’ la Vista spaventosa dei Loro peccati che Stanno Purgando.   Al presente – in Questa Vita, non si conosce la bruttezza dei peccati, ma Ben Si Conosce nell’Altra Vita; e Questa E’ Una delle Maggiori Pene Che Patiscono le Anime del Purgatorio.   O Mio Dio, perché Voi Siete Bontà Infinita, io Vi Amo Sopra ogni cosa e mi Pento con Tutto il Cuore di averVi Offeso.    Vi Prometto di Prima Morire Che mai più OffenderVi; Datemi Voi la Santa Perseveranza, Abbiate Pietà di me, ed Abbiate Pietà Ancora di Quelle Dolci Anime Che Ardono nel Fuoco.

O Madre di Dio, Maria, SoccorreteLe colle Vostre Potenti Preghiere.

Pater, Ave.

Quelle Figlie e Quelle Spose, Che Son Tanto Tormentate, O Gesù, Ché Voi L’Amate, Consolate per Pietà.

IV. La Pena Che poi Affligge Maggiormente Quelle Anime, Spose di Gesù Cristo, E’ il Pensare Che in Vita – con le Loro colpe, Han Dato Disgusto a Quel Dio Che Ora Amano Tanto.   Alcuni  Penitenti, anche su Questa Terra, pensando d’aver Offeso un Dio Così Buono, sono arrivati a Morire di dolore.   Le Anime del Purgatorio Conoscono Assai Più di noi Quanto E’ Amabile Dio, e Lo Amano con Tutte le Forze; ond’è Che Pensando di averLo Disgustato in Vita, Provano un dolore che supera ogni altro dolore.    O Mio Dio, perché Voi Siete Bontà Infinita, mi Pento con Tutto il Cuore di averVi Offeso.   Vi Prometto di Prima Morire Che mai più OffenderVi; Datemi la Santa Perseveranza, Abbiate Pietà di me, ed Abbiate Ancora Pietà di Quelle Sante Anime Che Ardono nel Fuoco e Vi Amano con Tutto il Cuore.

O Madre di Dio, Maria, SoccorreteLe Voi colle Vostre Potenti Preghiere.

Pater, Ave.

Quelle Figlie e Quelle Spose, Che Son Tanto Tormentate, o Gesù, Ché Voi L’Amate, Consolate per Pietà.

V. Un’Altra Gran Pena di Quelle Sorelle E’ lo Stare in Quel Ruoto e Patire, senza sapere Quando Finiranno i Loro Tormenti.   Sanno bensì per Certo Che Saranno Liberate un Giorno, ma l’incertezza del Quando Giungerà il Fine del Loro Penare E’ per Esse un Tormento Ben Grande.    Misero me, Signore, Se m’Aveste Mandato all’inferno! Ivi sarei Certo di non uscire più da Quella Carcere di Tormenti.    Vi Amo Sopra ogni cosa, Bontà Infinita, e mi Pento con Tutto il Cuore di averVi Offeso.    Vi Prometto di Prima Morire Che mai più OffenderVi; Datemi Voi la Santa Perseveranza; Abbiate Pietà di me ed Abbiate Pietà Ancora di Quelle Sante Anime Che Ardono nel Fuoco.

O Madre di Dio, Maria, SoccorreteLe Voi colle Vostre Potenti Preghiere.

Pater, Ave.

Quelle Figlie e Quelle Spose, Che Son tanto Tormentate, o Gesù, Ché Voi L’Amate, Consolate per Pietà.

VI. Quelle Benedette Anime Quanto Sono Consolate dalla Memoria della Passione di Gesù Cristo e del Santissimo Sacramento dell’Altare, poiché per Mezzo della Passione Si Trovano Salve e per Mezzo delle Comunioni e delle Sante Messe Hanno Ricevuto e Ricevono Tante Grazie.  Altrettanto, Sono Tormentate dal Pensiero di Essere State ingrate in Vita a Questi Due Grandi Benefici dell’Amore di Gesù Cristo.    O Mio Dio, Voi anche per me Siete Morto, e Tante Volte Vi Siete Dato a me nella Santissima Comunione, ed io Vi ho pagato sempre d’Ingratitudine! Ma Ora Vi Amo Sopra ogni cosa, mio Sommo Bene, e mi Pento più che di ogni male di averVi Offeso.    Vi Prometto di Prima Morire Che mai più OffenderVi; Datemi Voi la Santa Perseveranza, Abbiate Pietà di me ed Abbiate Ancora Pietà di Quelle Sante Anime Che Ardono nel Fuoco.

O Madre di Dio, Maria, SoccorreteLe Voi colle Vostre Potenti Preghiere.

Pater, Ave.

Quelle Figlie e Quelle Spose, Che Son tanto Tormentate, o Gesù, Ché Voi L’Amate, Consolate per Pietà.

VII. Accrescono poi la Pena di Quelle Sorelle Tutti i Benefici Particolari Ricevuti da Dio, Come: l’Essere Nate in paesi Cattolici, l’Essere State Aspettate a Penitenza e Perdonate dei Loro peccati.    Si, perché tutti fanno conoscere maggiormente l’ingratitudine che hanno usato con Dio.    Ma chi più ingrato di me, o Signore? Voi mi Avete Aspettato con Tanta Pazienza, Più Volte mi Avete Perdonato con Tanto Amore, ed io – dopo tante Promesse, sono tornato ad OffenderVi.    Dèh, non mi Mandate all’inferno, dove non potrò più AmarVi.    Mi Pento, Bontà Infinita, di averVi Offeso; Prometto di Prima Morire Che mai più OffenderVi.    Datemi Voi la Santa Perseveranza, Abbiate Pietà di me, ed Abbiate Ancora Pietà di Quelle Sante Anime.

O Madre di Dio, Maria, SoccorreteLe Voi colle Vostre Potenti Preghiere.

Pater, Ave.

Quelle Figlie e Quelle Spose, Che Son Tanto Tormentate, o Gesù, Ché Voi L’Amate, Consolate per Pietà.

VIII. Di Più E’ Una Pena Troppo Amara per Quelle Amabili Figlie il pensare Che Dio – in Vita, Ha Loro Usato Tante Misericordie Speciali, non Usate con gli altri; ed Esse coi Loro peccati L’hanno Costretto a PunirLe e CondannarLe all’inferno, benché poi, per Sua sola Misericordia, Abbia Loro Perdonato e Le Abbia Salvate.    Eccomi, Dio Mio! Uno di questi ingrati sono io: ho disprezzato il Vostro Amore e Vi ho Costretto a Condannarmi all’inferno.    Bontà Infinita, ora Vi Amo Sopra ogni cosa e mi Pento con Tutta l’Anima di averVi Offeso.     Vi Prometto di Prima Morire Che mai più OffenderVi; Datemi Voi la Santa Perseveranza, Abbiate Pietà di me, ed Abbiate Ancora Pietà di Quelle Sante Anime Che Ardono nel Fuoco.

O Madre di Dio, Maria, SoccorreteLe Voi colle Vostre Potenti Preghiere.

Pater, Ave.

Quelle Figlie e Quelle Spose, Che Son Tanto Tormentate, o Gesù, ché Voi L’Amate, Consolate per Pietà.

IX. Grandi, Sono – insomma, Tutte le Pene di Quelle Creature dell’Onnipotente: il Fuoco, il Tedio, l’Oscurità, l’Incertezza del Quando Saranno Liberate da Quel Carcere; ma fra Tutte, la Pena maggiore di Quelle Sante Spose E’ lo Star Lontane dal Loro Magnifico Sposo, e Private di VederLo. O Dio Mio, Come ho potuto io Viver Tanti Anni Lontano da Voi e Privo della Vostra Grazia? Bontà Infinita, io Vi Amo Sopra ogni cosa e mi Pento con Tutto il Cuore di averVi offeso.   Vi Prometto di Prima morire Che mai più OffenderVi; Datemi la Santa Perseveranza, e non Permettete Ch’io abbia a vedermi un’altra volta in Disgrazia Vostra.   Abbiate Pietà, Vi Prego, di Quelle Sante Anime; Alleggerite le Loro Pene, ed Abbreviate il Tempo del Loro Esilio, ChiamandoLe Presto ad AmarVi a Faccia a Faccia in Paradiso.

O Madre di Dio, Maria, SoccorreteLe Voi colle Vostre Potenti Preghiere e Pregate anche per noi, che siamo ancora in pericolo di dannarci.

Pater, Ave.

Quelle Figlie e Quelle Spose, Che Son tanto Tormentate, o Gesù, Ché Voi L’Amate, Consolate per Pietà.

(Tratto da: “Filotea per i Defunti”; Imprimatur: In Curia Archiep., Mediolani, die 18 octobris 1901. S.A.M. Mantegazza, Ep. Famag., Vie. gen.).

 

 

 

 

 

 

 

Credo …

Gloria al Padre …

Salve Regina …

Requiem …

Angelo di Dio …

Gloria a Dio …

 

 

 

 

 

 

Preghiera

 

 

 

 

O Dio, Creatore e Redentore di Tutti i Fedeli, Concedete alle Anime dei Defunti l’Universale Remissione dei peccati.    Le nostre Umili Preghiere Ottengano Loro il Perdono Che Hanno Sempre Desiderato.    Grazie Gesù, Vi Amiamo e Vi Adoriamo, e Vi Chiediamo Perdono per Coloro Che ci Hanno Lasciati e Che Speriamo Siano Vicini a Voi; e Confidiamo Che anche a noi un Giorno – Quando Vorrete, ci Chiamerete e ci Perdonerete, Tenendoci Vicini a Voi, Bene Infinito, perché noi Crediamo Che Voi Siete Dio e ci Avete Salvati, SacrificandoVi sulla Croce.    Amen.

 

A Maria Addolorata

 

 

O Madre, Tu Hai Conosciuto il Dolore, ma l’Hai Vinto Riempiendolo d’Amore.    Tu Hai Camminato sulle Orme di Gesù e non Ti Sei Fermata Quando Hai Visto Che Andavano Verso la Croce.    Tu Hai Creduto Che Dio E’ Amore.    Tu Hai Creduto Che l’Amore E’ Onnipotente.   Tu Hai Creduto Che la Bontà, Quando E’ Crocifissa, Vince e Risorge.   O Madre, Tu Ora Pensi a noi e Soffri per noi; Tu Ora Desideri Che Nasca in noi il Tuo Figlio Gesù.    Aiutaci, Madre, perché noi siamo deboli nella Fede! Prendici per Mano e Guidaci sulla Via del Vangelo, per Far Fiorire di Speranza Ogni Dolore e per Cantare il Magnificat coi Piccoli e gli Umili di Tutta la Terra, nell’Attesa della Grande Festa del Cielo.   Amen.

 

Alla Sacra Famiglia

 

 

Gesù, Giuseppe e Maria, Siete la Gioia dei nostri Cuori e la Salvezza delle nostre Anime.    Benediteci e Accompagnateci Sempre nel Cammino della nostra Vita Terrena, finché Dio non ci Chiamerà.   Amen.

 

Apocalisse 14 :7

 

«L’Angelo Diceva con Voce Forte: “Temete Dio e RendeteGli Gloria, perché E’ Venuta l’Ora del Suo Giudizio.    AdorateLo, Creature del Cielo e della Terra, del Mare e delle Sorgenti d’Acqua”».

 

 

 

 

 

 

 

O Gesù, Perdona le nostre colpe, Preservaci dal Fuoco dell’inferno, Porta in Cielo Tutte le Anime, Specialmente le Più Bisognose della Tua Misericordia.

 

 

 

 

Maria, Regina della Pace e della Rivelazione, Prega per noi e per il mondo intero.

 

 

 

 

 

 

 

 

“Popolo di Dio, Che Ami con Cuore Puro il Tuo Creatore, Proclama al mondo Che il Figlio Prediletto E’ Nuovamente quaggiù, sulla Terra, tra noi, ……. e Avrai Salva la Vita!”.

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

 

 

 

 

 

Io e Dio (Piero Infante).

Ve vojo riccontà ‘na Storia strana
Che m’è successa propio l’artra settimana

Camminavo pe’ r vialone davanti alla Chiesa der paese
quanno ‘na strana voja d’entrà me prese

Sia chiaro non so mai stato un Cristiano praticante
se c’era un matrimonio, se vedevamo al ristorante

Ma me so sentito come se Quarcuno,
me Dicesse: “dai entra, nu’ c’è nessuno”

Un misto de voja e paura m’aveva preso
ma ‘na vorta dentro, restai sorpreso

La Chiesa era vota, nun c’era nessuno
La voce che ho sentito era la mia, no de quarcuno

C’erano quattro panche e un vecchio Crocifisso de nostro Signore
“Guarda te se a chiamamme E’ Stato er Creatore”

Me gonfiai er petto e da sbruffone gridai: “ So passato pè un saluto”
Quanno na Voce me Rispose: ”mo sei entrato, nu fa lo scemo mettete seduto!”

Pensai: mo me giro e vado via,
quanno Quarcuno me Rispose: “Nu te ne ‘nnà. Resta … famme compagnia”.

“Famo n’altra vorta , poi mi moje chi la sente: è tardi sarà già tutto apparecchiato”.
“Avvicinate nu fa lo scemo, ‘o so che nu sei sposato.

Me sentivo troppo strano, io che nun avevo mai Pregato
me sentivo Pregà dar Signore der Creato

“Signore Dateme na Prova, devo da Crede
Che Sete Veramente Iddio Che Tutto Vede”

“Voi na Prova ? Questo nu te basta? Te sei Mi Fijo
e Io Sto Qua Inchiodato pe er Bene Che te Vojo!”

“Me viè da piagne, me sento de scusamme.
Signore ve Prego Perdonate le mie mancanze

A sapello Che c’Eravate pe Davero …
venivo più spesso, ve accennevo quarche Cero”.

“Ahahahahhaha ma te pensi che Io Sto Solo qua dentro?
Io So Sempre Stato co te, nella gioia e nel tormento.

Te ricordi quanno eri Piccolino
Io pe te Ero Gesù Bambino

Prima de coricatte la sera
Me dedicavi sempre na Preghiera

Era Semplice Quella Che po’ fa er Core de un Bambino,
Me facevi Piagne e con le Mie Lacrime te Bagnavo er cuscino

Poi anni de silenzio… te s’è indurito er Core
proprio Verso de Me, Che t’Ho Fatto co Tanto Amore.

Te Gridavo fijo Mio Sto Qua,
arza l’occhi guarda tuo Papà!

Ma te niente… guardavi pe tera
e te ostinavi a famme la guera.

Poi quanno tu padre stava male
e te già pensavi ar funerale

Sul letto de morte… nelle ultime ore
t’è scappata na Preghiera… “Te affido ar Core der Creatore”.

Ecco perché t’Ho Chiamato,
pe Ditte quanto Me sei mancato.

Ho cominciato a Piagne dalla Gioia e dar dolore…
ho scoperto de Esse Amato dar Signore…

Questa è na storiella che nun ’ha niente da insegnà,
solo Che in Cielo C’E’ un Dio Che Piagne se Lo chiami Papà!

Comitato Esecutivo Nazionale – comunicazione ufficiale agli aventi diritto.

 

Mediante la presente, avente connotazione ufficiale di notifica, si comunica che il giorno giovedì 07 settembre 2017 – alle ore 10,30 e presso la sede legale dell’A.N.A.Di.M.I. Onlus pro handicap e terza età, è convocato il Comitato Esecutivo Nazionale, per discutere i seguenti argomenti posti all’ordine del giorno:

1) valutazioni di merito della complessiva attività svolta nel primo semestre dell’anno 2017;

2) verifica regolarità tesseramento;

3) eventuali e varie.

Ciò posto e senza alcun obbligo di conferma, si ringrazia per la cortese collaborazione, cogliendo l’occasione per augurare a tutti un Sereno Ferragosto – Festa dell’Assunzione al Cielo della Beata Vergine Maria.

Roma, 14 agosto 2017

Il Presidente

F.to Pecoraro

Yahoo: un gestore poco serio!

 

 

Nonostante la pubblicità di efficienza – peraltro ingannevole, Yahoo continua ad esser latitante da ormai diverso tempo e con non pochi utenti, tutti lamentanti un grave disservizio nell’accedere alle singole caselle di posta elettronica! All’uopo, stante il perdurare di alcune anomalie, è stato conferito mandato legale per la tutela dei diritti legittimi e soggettivi – con valutazione dei danni subiti, con richiesta d’intervento anche del Garante.

A breve gli ulteriori sviluppi.

Comitato Esecutivo 2017 – Avviso ai Soci.

 

 

Giusta comunicazione relativa, il giorno 15 maggio 2017 si è riunito il Comitato Esecutivo, per deliberare e ratificare anche i provvedimenti urgenti.

Alberto Micalizzi.

 

Il signor Alberto Micalizzi – nato a Terni il giorno 08 settembre 1968,  per condotta contraria al dettato Statutario e agli interessi non profit e filantropici dell’Associazione Nazionale Assistenza Disabili (e Familiari) Ministero Interno, Organizzazione non lucrativa d’Utilità Sociale pro handicap e terza età, è espulso con effetto immediato ed inibito all’utilizzo di qualsivoglia atto e/o marchio riferibili alla scrivente Struttura.

___________________________________________________________________________________________________________________________________

Mr. Alberto Micalizzi – born in Terni on 08 September 1968 for conduct contrary to the dictates Statutory and non-profit and philanthropic interests of the National Disability Assistance (and Family) Ministry of Interior, non-profit organization of Social Utility pro disability and old age, is expelled with immediate effect and inhibited the use of any act and/or trademarks related to the writing structure.

I Primi 9 Venerdì del Mese – La Grande Promessa di Salvezza della Divina Misericordia!

Salva la tua Anima, inizia subito i Primi 9 Venerdì del Mese! Il Sacro Cuore di Gesù ci Ama Infinitamente e Vuole Salvarci a Qualunque Costo, per Renderci Eternamente Felici in Paradiso.
Però, per Rispetto della nostra Libertà, Vuole la nostra Collaborazione, Richiede la nostra Corrispondenza.

Ecco la Straordinaria Promessa di Gesù, Offerta al mondo pel tramite di Santa Margherita Alacoque: “Io ti Prometto, nell’ Eccesso della Misericordia del Mio Cuore, Che il Mio Amore Onnipotente Concederà la Grazia della Penitenza Finale a tutti coloro che si Comunicheranno il Primo Venerdì del Mese per nove Mesi consecutivi.
Essi non morranno nella Mia Disgrazia, né senza aver ricevuto i Santi Sacramenti (se Necessari), e in Quegli Ultimi Momenti il Mio Cuore Sarà loro un Sicuro Asilo”.